Futsal Masters, Napoli ko col Barcellona. Azzurri chiudono al 4° posto

Foto Lollo Caffè Napoli, vs Barcellona
Foto Lollo Caffè Napoli, vs Barcellona
- 31142 letture

BRESLAVIA (POL). Il Lollo Caffè Napoli chiude il Futsal Masters di Breslavia al quarto posto. Gli azzurri lasciano il gradino più basso del podio al Barcelona Futbol Sala, bravo a ribaltare l’iniziale vantaggio di Patias nel corso della ripresa e poi legittimare la vittoria con una prestazione di valore. Prepartita all’insegna del Fair Play, con le squadre che arrivano all’Hala Orbita a bordo dello stesso bus ed il Barcelona che indossa le t-shirt con la scritta Força Barcelona, regalate ai blaugrana dal club azzurro.

LA CRONACA - Mister Cipolla è costretto a rinunciare a Marco Scigliano e Lolo Suazo, non al meglio. Andrè, Patias, Peric e Jelovcic, assorbite le scorie del fastidioso virus intestinale che li ha colpiti nella giornata di ieri, sono regolarmente in campo. Nonostante le condizioni non ottimali, gli azzurri partono molto bene e con Patias vanno vicini al vantaggio. Il suono sordo del palo, però, nega la gioia del gol al pivot ex Benfica, con De Luca che non riesce a sporcare il pallone in rete sul tap in. La gioia del gol, però, è solo rimandata perché Patigol centra il bersaglio grosso al minuto 8. I blaugrana reagiscono, ed impensieriscono Chinchio in più di un’occasione, ma il portiere azzurro non lascia passare gli spifferi. Gli azzurri avrebbero anche qualche buona opportunità per provare ad aumentare il vantaggio, ma la prima frazione scivola via sull’ 1-0. Nella ripresa affiorano i segni della stanchezza in casa napoletana.

La manovra perde di fluidità e i ragazzi di Xavi Closas cominciano a premere sull’acceleratore con maggiore convinzione. Xavi Cols, al 5’, concretizza una transizione veloce e trova il pari. Il Napoli prova subito a tornare davanti con Patias, assistito direttamente da Chinchio, ma la sua spizzata di testa non centra lo specchio della porta. All’8’ la svolta del match col Barcelona che trova un micidiale uno-due. Le reti di Juan Josè e Luis Garcia, in rapida successione, costituiscono uno strappo deciso nella storia del match. Al 9’ gli azzurri provano a rientrare in partita con Duarte, ma il capitano catalano Miquel Feixas stoppa la conclusione di Japa. Neppure il portiere di movimento riesce a rimettere in discussione le sorti del match, perché proprio Feixas si trasforma in goleador e per due volte dalla propria area di rigore disegna le parabole che valgono la doppietta personale ed il 5-1 finale.

a cura de Lollo Caffè Napoli Stampa

La Redazione