L'INTERVISTA - Portici, settore giovanile a 360° con Marco Miserini

Foto Portici 1906, settore giovanile
Foto Portici 1906, settore giovanile
- 39857 letture

PORTICI (NA). Prosegue spedita l'attività del settore giovanile del Portici 1906 presso l'Aura Sport di Torre del Greco, in attesa che terminino i lavori al San Ciro, agli ordini del responsabile tecnico Marco Miserini e del suo staff i giovani porticesi si preparano per i primi appuntamenti ufficiali. Quest'anno il club biancoazzurro parteciperà al campionato Juniores Nazionale ed a quello Under 17, con una scuola calcio ad hoc che sta gettando buone basi in queste settimane. 

La nostra redazione ha incontrato dunque il responsabile tecnico Marco Miserini per fare il punto sul lavoro svolto finora, e spiegare un pò le novità in casa porticese a livello di programmazione coi giovani per la stagione 2017/18: "Abbiamo iniziato la nostra attività il 23 Agosto, in attesa che siano ultimati i lavori al San Ciro ci stiamo allenando all'Aura Sport di Torre del Greco - esordisce il tecnico - siamo partiti con un gruppo di venti ragazzi nati negli anni 2000 e 2001 per quanto riguarda la Juniores Nazionale e poi è iniziata anche l'attività con l'Under 17. Come settore giovanile parteciperemo dunque a tali campionati e ci sarà anche il progetto Scuola Calcio che sarà gestito da un altro gruppo di lavoro".

Novità importanti per quanto riguarda le modalità di lavoro coi giovani calciatori, sui quali la società biancoazzurra punta moltissimo: "Stiamo facendo un percorso specifico, chiusi gli stage abbiamo selezionato i 40 under nati tra il 2000 ed il 2001 con un metodo differente rispetto al solito, diciamo con un approccio più aperto. Tutti i nostri giovani sono sullo stesso piano e nel succedersi delle settimane potrà capitare che i ragazzi si allenino e facciano esperienza tra prima squadra, juniores ed under 17 indifferentemente. Difatti qualche 2000 ha già avuto modo di allenarsi con la prima squadra, poi è chiaro che settimana dopo settimana saranno sempre definiti i gruppi di lavoro con priorità alla prima squadra. Lo staff tecnico è univoco quindi, indipendentemente dalla categoria in cui si metteranno alla prova, i ragazzi svolgeranno lo stesso tipo di lavoro ed allenamento che gli permetterà così di muoversi tra i vari gruppi nel corso delle settimane. Quindi ci saranno under che saranno aggregati con la prima squadra di mister Esposito, come è già accaduto nelle prime uscite stagionali, altri invece che dalla juniores passeranno all'under 17 e viceversa. Con questa idea di lavoro contiamo di formare ragazzi che possano essere una risorsa importante in futuro per la società, i risultati dunque contano fino ad un certo punto ma la cosa essenziale credo sia formare giovani che già a partire dalla prossima stagione possano dare manforte alla prima squadra. I presidenti Ragosta, Noia e Giudizioso credono molto in questo progetto e dunque stiamo lavorando per creare un settore giovanile che duri nel tempo e porti frutti in grado di render merito agli sforzi compiuti dalla società".

Importante la capacità di mister Esposito di lavorare coi giovani, un aspetto che durante la stagione darà modo a tanti ragazzi di crescere nella maniera giusta e diventare così risorsa concreta per il Portici: "Esposito è un tecnico preparato che predilige il lavoro coi giovani, la sua carriera dice chiaramente questo e la rosa del Portici di quest'anno va in tale direzione, ci sono tanti elementi di valore tra i '98 ed '99 arrivati su preciso diktat presidenziale e quindi di riflesso anche il settore giovanile si è mosso in questo senso".

Uno staff univoco e coeso che lavora quotidianamente alla crescita degli under: "Abbiamo un gruppo di 40 giovani 2000 e 2001, dunque nessun '99 per il settore giovanile, la juniores sarà guidata da me mentre l'under 17 da mister Isidoro Prece ed assieme proveremo a far crescere questi ragazzi per farli arrivare in prima squadra senza alcun problema d'adattamento. La società in tal senso devo dire che non ci fa mancare nulla, i tre presidenti si stanno prodigando per la buona riuscita di questo progetto improntato sui giovani, questa loro idea è stata alla base della mia scelta di accettare un lavoro complesso ma affascinante come la creazione di un settore giovanile che possa durare nel tempo ed il progetto scuola calcio è un ulteriore tassello di questo mosaico".

Attività iniziata con la juniores, che partirà a breve col campionato: "Inizialmente avevamo a disposizione circa 30 ragazzi per quanto riguarda il gruppo di lavoro under legato alla juniores, abbiamo permesso a tutti di fare il percorso poi dopo due settimane per migliorare la qualità del lavoro abbiamo diviso i gruppi ma soltanto per una questione di spazi sul campo, visto che le dinamiche delle nostre attività sono uguali in ogni categoria. Campionato? Sabato 23 esordiremo contro la fortissima Sarnese, reduce dalla vittoria del campionato under 17 e da anni impegnata in un lavoro specifico per quanto riguarda il settore giovanile, per noi sarà l'esordio ufficiale ed arriviamo dopo un percorso in cui abbiamo sfidato diverse squadre importanti di categorie differenti: Juve Stabia, Portici prima squadra, Virtus Volla, Albanova ed Edilmer Cardito. Questi test sono serviti soprattutto per far confrontare i ragazzi con realtà di categoria superiore al palcoscenico giovanile, un'esperienza che credo sarà d'aiuto durante la stagione".

Infine Miserini sottolinea una volta di più la propria volontà d'impostare un percorso prettamente formativo, ben coadiuvato dal suo staff di fiducia: "In questi anni ho sempre inteso l'attività giovanile come un percorso di crescita formativo, io sono certo che la società Portici potrà dare in tal senso una certa continuità di lavoro, un settore giovanile importante non si crea in un anno ma serve costanza e pazienza. Colgo l'occasione per illustrare poi lo staff che svolgerà le attività con i giovani, detto di me e di mister Prece, abbiamo anche il collaboratore tecnico Salvatore Lamiano, il preparatore atletico Paolo Visone ed il preparatore dei portieri Gaetano Langella". 

Luigi Langellotti