Shakhtar Donetsk-Napoli, parla Sarri: tra Champions, Raiola ed Hamsik

Foto Napoli, Sarri
Foto Napoli, Sarri
- 56886 letture

Donec'k (Ucraina). Vigilia dell'esordio nella fase a gironi della Uefa Champions League per il Napoli di Sarri, il tecnico azzurro dopo una fase di silenzio stampa torna a parlare ai microfoni di Premium Sport e lo fa analizzando la sfida di domani sera contro lo Shakhtar Donetsk: "Il nostro girone è molto duro, domani affronteremo un avversario importante con calciatori di qualità e da parte nostra dovrà esserci la solita applicazione, col possesso palla dovremo creare opportunità per far male allo Shakthar e vincere la partita. Non sarà semplice tornare a casa con un risultato positivo, l'approccio alla gara sarà fondamentale".

Vittoria importante a Bologna, che ha permesso agli azzurri di restare in vetta con Juve ed Inter, l'analisi di Sarri sulla maturità del suo gruppo: "Napoli più maturo? La differenza tra un pizzico di fortuna e la mentalità da grande squadra è minima, col Bologna abbiamo giocato un brutto primo tempo e la prestazione non era in linea con le qualità della squadra poi nella ripresa le cose sono leggermente migliorare ed abbiamo portato a casa la vittoria. La squadra deve concentrarsi più sulle prestazioni che sul risultato, sono convinto che con una grande prestazione il risultato arriva quasi sempre ma senza prestazione non sempre arriva il risultato".

Analisi sul girone di Champions e sul possibile turnover: "Cambi in vista? Credo che sia ormai diventato un luogo comune il discorso che io non faccio ruotare i ragazzi, la scorsa stagione ne ho utilizzati 24 e siamo stati tra le squadre che hanno dato spazio a più calciatori. Obiettivo? Vogliamo gli ottavi di finale ma non sarà semplice, è un girone difficile, credo che il City sia un gradino sopra le altre mentre noi ce la giocheremo con Feyenoord e Shakhtar che sono due buone squadre anche se la stampa italiana le sottovaluta".

Sul capitano azzurro, apparso poco brillante nelle prime uscite stagionali: "Hamsik? E' un calciatore insostituibile per me, ha una capacità di giocare tra le linee che non ha nessuno dei nostri centrocampisti. Sovente lo sostituisco proprio per dargli modo di riposare e recuperare, se un mio fuoriclasse non è al meglio io lo faccio giocare lo stesso perchè credo che solo così poi mi darà il 101%. Cambi in attacco? Probabile che Insigne riposi, ma non ho ancora nessuna certezza valuterò domani".

Raiola vede Sarri lontano da Napoli ma il diretto interessato: "Se mi trova lui la squadra, probabile sia una supposizione basata su qualche sua conoscenza ma io in questo momento penso a ben altro. Giocare in Champions per me è una grande soddisfazione, ci sono tante partite affascinanti ed al momento Giugno è lontano quindi penso partita per partita".

Infine un pensiero a Maradona, che di recente ha riservato parole importanti per il suo Napoli. "Tra i miei ragazzi quasi tutti sono nati dopo che Diego ha lasciato Napoli, per me invece resta forte il ricordo delle sue gesta ed ogni volta che parla credo sia opportuno prestare molta attenzione, resta un idolo per me e continuerà ad esserlo". 

Luigi Langellotti