La Torrese travolge la R.Ischia in Coppa. Vivace: "Grande prova"

Foto ASD Torrese
Foto ASD Torrese
- 18452 letture

ISCHIA (NA). Parte con il botto il cammino dell'ASD Torrese nella Coppa Campania. In trasferta a Ischia, gli uomini di mister Vivace superano 4-1 i padroni di casa della Rinascita Ischia Isolaverde nella seconda giornata valida per la fase a gironi. Allo stadio Enzo Mazzella, dinanzi a circa 250 spettatori, gara dominata fin dai primi minuti di gioco.

Primo tempo torrese, con un ottimo possesso palla e match che si sblocca con gol di De Luca e raddoppio di Ballarano già nella prima mezz'ora di gioco. Al termine della prima frazione la gara sembra ormai a senso unico, ma a provare a raddrizzarla per gli isolani è Trani che dopo dieci minuti dall'inizio della ripresa trova la via del gol dell'1-2. La Torrese riprende ben presto a macinare gioco, sciupando però molte occasioni. A chiudere il capitolo isolano ci pensa allora bomber Andrea Ballarano che timbra il cartellino altre due volte e con una splendida tripletta porta a casa il pallone della giornata.

"Abbiamo dato il massimo – le parole a fine gara del capitano, Armando Garofalo ed abbiamo fatto una grande prova di gruppo. Questa vittoria è frutto del grande impegno della squadra. Ci vogliamo divertire e andare avanti partita per partita. Senza troppi obiettivi, restando concentrati su ogni sfida".

"Avevamo gli uomini contati commenta Giuseppe Perillo, socio dell'ASD Torrese ma i ragazzi hanno saputo stringersi e tirare fuori una grande prestazione. Faccio i miei complimenti alla squadra e ad Andrea Ballarano per la tripletta messa a segno. Questa con l'Ischia era la prima di tre trasferte di seguito, ora testa dritta alla prossima di campionato contro il San Gennarello, altro match delicato".

"Soddisfattissimo dei ragazzi dichiara mister Ciro Vivace e dell'ottima prestazione mostrata in campo. Non era una trasferta facile a Ischia, in un turno infrasettimanale con campo pesante e tifoseria calda. Ma abbiamo fatto una grande prova".

a cura di Salvatore Formisano

La Redazione