Rinascita Ischia, Di Meglio: "Bisogna chiudere le gare. Sulla Maued.."

Di Meglio, Rinascita Ischia
Di Meglio, Rinascita Ischia

ISCHIA (NA). Al termine della sfida contro la Boys Pianurese, vinta grazie ad una rete di Mendil, il tecnico della Rinascita Ischia Isolaverde ha analizzato la prestazione della sua squadra: "Non guardiamo la classifica, giochiamo una gara per volta anche perchè soprattutto a livello mentale si è speso tanto contro i pianuresi. Maued? Inizieremo a pensarci da domani, alla ripresa, oggi meritato riposo per tutti".

Grande lavoro sugli esterni che non ha soddisfatto pienamente mister Di Meglio: "Ho provato ad invertirli per creare superiorità numerica sulle fasce, nel primo tempo l'abbiamo fatto discretamente bene ma è mancata un pò di cattiveria nell'ultimo passaggio, un qualcosa che ci sta accompagnando da un pò di tempo a questa parte e che talvolta non ci permette di chiudere le partite".

Sul gol annullato a Muscariello: "C'è amarezza perchè non c'era davvero motivo, il ragazzo ha effettuato il salto per colpire la palla completamente solo e ad un metro dal portiere. In un primo momento il direttore di gara non aveva ravvisato nulla poi, appena ha visto il ragazzo che esultava, si è ravveduto fischiando ed annullando la rete". 

Gli isolani, ad oggi, non sembrano avere molta fortuna con gli arbitraggi al Mazzella: "Non mi piace fare la vittima però ho notato che quando andiamo fuori casa, quello che gli riservano è un qualcosa di clamoroso. Quando vengono qui, forse sapendo che l'Ischia è una società dal passato glorioso e che nel Mazzella sono passati diversi grandi arbitri, qualcuno pensa di poter fare il protagonista". 

Sulla corsa per il titolo: "Scontri diretti decisivi? Sono delle partite a sé, sicuramente saranno fondamentali per recuperare punti, però voglio anche ricordare che l'anno scorso a parte la sfida di ritorno con la Sibilla poi sono stati vinti tutti ed alla fine per la promozione sono stati fatali alcuni pareggi contro club retrocessi o che non avevano alcuna ambizione di classifica. E' importante dunque vincere gli scontri diretti che ci riguardano ma anche quelli tra le nostre avversarie saranno chiaramente decisivi per capire i piazzamenti, basti vedere Plajanum-Edilmer dell'ultimo weekend. Gli scontri tra le prime però credo che non bastino, bisogna ottenere anche qualche vittoria su campi ostici di società che magari non hanno particolari velleità di classifica o che lottano per la salvezza"

Luigi Langellotti