Sospensione di A.Sorrento-A.F.F.E. Nocera 100: il comunicato del club

Foto: Atletico Sorrento
Foto: Atletico Sorrento

Il comunicato integrale della società nocerina sui fatti avvenuti allo Stadio Italia di Sorrento in data 11.02.2018 in occasione della partita di calcio tra Atletico Sorrento ed A.F.F.E. Nocera 100

L’ASD A.F.F.E. Nocera 100 con la pubblicazione di codesto comunicato ufficiale intende esporre la propria versione dei fatti sugli avvenimenti verificatisi in data 11.02.2018 in occasione della gara di calcio giocata al “Campo Italia di Sorrento” tra l’Atletico Sorrento e l’A.F.F.E. Nocera 100.

“Al minuto 26’ del 1° tempo regolamentare sul risultato di 1 a 0 per i padroni di casa, l’attaccante dell’Atletico Sorrento (Sig. Russo), si rendeva autore di una carica al portiere dell’A.F.F.E. Nocera 100 (Sig. De Prisco) che respingeva il pallone a circa 10 metri dall’aria di rigore. A seguito di tale violento scontro di gioco entrambi i calciatori restavano a terra doloranti e di conseguenza impossibilitati a proseguire l’azione. L’arbitro incaricato di dirigere la partita (Sig. Ciccarelli della sezione di Castellammare di Stabia), ritenendo presumibilmente che non ci fossero le condizioni per interrompere il gioco, lasciava proseguire l’azione al termine della quale il calciatore dell’Atletico Sorrento (Sig. Solimene) siglava il raddoppio a porta inevitabilmente sguarnita”.

Va opportunamente precisato che tra lo scontro di gioco avvenuto tra i calciatori De Prisco (A.F.F.E. Nocera 100) e Russo (Atletico Sorrento) e la rete che veniva successivamente siglata dall’attaccante Solimene (Atletico Sorrento) intercorrevano almeno 10 secondi di tempo durante i quali l’arbitro avrebbe dovuto interrompere l’azione cosi come espressamente previsto dal Regolamento Aia del giuoco del calcio qui di seguito riportato:“ 15. Se a seguito di un violento tiro o di uno scontro fortuito, il portiere subisce una menomazione tale da rimanere impossibilitato a tentare di evitare la segnatura di una rete. Come dovrà regolarsi l’arbitro? Se il pallone, immediatamente dopo l’infortunio del portiere, supera la linea di porta, convalida la rete. Diversamente, interromperà il gioco e lo riprenderà con una propria rimessa nel punto in cui si trovava il pallone quando il gioco è stato interrotto, dopo aver fatto soccorrere il portiere.

Tralasciando nel caso di specie il comportamento antisportivo dell’autore della rete Sig. Solimene (Atletico Sorrento), l’arbitro Sig. Ciccarelli si rendeva responsabile di aver deciso in modo completamente scostante rispetto a quanto precisamente previsto dal Regolamento Aia.Va ulteriormente precisato ad onor del vero che prima della rete siglata dal sig. Solimene, il capitano dell’A.F.F.E. Nocera 100 Sig. Attanasio richiamava l’attenzione dell’arbitro per la presenza a terra dei due calciatori (Russo e De Prisco). Successivamente all’ingiusta convalida del goal lo stesso capitano richiedeva all’arbitro delucidazioni inerenti al motivo della mancata interruzione dell’azione al fine di prestare il dovuto soccorso ai due calciatori. 

L’arbitro rispondeva al Sig. Attanasio con testuali parole: “ Non è fallo, il portiere ha sbagliato l’uscita e sta fingendo ” mostrandogli per di più il cartellino giallo per aver chiesto in modo veemente spiegazioni sull’episodio.Il portiere De Prisco una volta rialzatosi dal suolo contestava con foga la mancata interruzione dell’azione. Ancora una volta l’arbitro del match, con considerazioni che chiaramente non gli competono, zittiva il sig. De Prisco accusandolo di aver sbagliato l’uscita e di aver simulato l’infortunio. Il Sig. De Prisco, che d’altro canto riportava un ben visibile livido sulla gamba a seguito dello scontro, stizzito sia dall’ingiusta decisione quanto dall’irrispettoso comportamento dell’arbitro rivolgeva allo stesso parole inadeguate vedendosi cosi sventolare nei suoi confronti il cartellino rosso. 

Appresa la decisione il Sig. De Prisco reagiva erroneamente di istinto colpendo l’arbitro. Pronto è stato l’intervento della squadra e della dirigenza dell’A.F.F.E. Nocera 100 teso ad allontanare il proprio tesserato dal campo di calcio e ad accertarsi delle condizioni fisiche dell’arbitro che GIUSTAMENTE sospendeva la gara e mandava negli spogliatoi entrambe le squadre.”Alla luce di quanto appena esposto, la società ASD A.F.F.E. Nocera 100 condanna e non giustifica assolutamente il gesto antisportivo del proprio tesserato sig. De Prisco, ma al contempo pretende che le versioni dei fatti vengano esposte in maniera coerente e veritiera.

Apprendiamo infatti, con molto rammarico, che diversi siti e testate giornalistiche abbiano distorto i fatti sopra descritti e offeso in modo evidente ed ingiustificato tesserati e dirigenti della scrivente società sportiva.

Di conseguenza la scrivente società procederà per le adeguate vie legali contro qualsiasi altro articolo che riporterà notizie che distorcono la realtà dei fatti avvenuti allo Stadio Italia di Sorrento in data 11.02.2018 in occasione della partita di calcio tra Atletico Sorrento ed A.F.F.E. Nocera 100.

Ci teniamo infine a sottolineare che lo stesso arbitro e commissario di campo, nonché la società dell’Atletico Sorrento rappresentata dal presidente Sig. Schisano, si congratulavano con l’INTERA squadra e dirigenza dell’AFFE Nocera 100 per il comportamento corretto e solidale tenuto subito dopo i fatti sopra descritti.Cogliamo inoltre l’occasione per scusarci UFFICIALMENTE con il direttore di gara Sig. Ciccarelli con la speranza che possa continuare ad arbitrare per molto tempo ancora utilizzando però maggiore buon senso nella gestione delle gare e nell’approccio comportamentale con i calciatori.

La Redazione