Real San Gennarello, Colombo: "K.O. Torrese? C'è voglia di riscatto"

Foto Real San Gennarello, Colombo
Foto Real San Gennarello, Colombo

OTTAVIANO (NA). Consueto appuntamento settimanale con la rubrica del Real San Gennarello, “Man of the Match”. Protagonista quest’oggi è il fluidificante di fascia destra Roberto Colombo. Quest’ultimo, calciatore dalle indiscusse qualità, affidabile e dal rendimento costante, ha ben figurato nella sconfitta, seppur immeritata, di sabato , nel match di campionato contro la Torrese.

Che peso ha la sconfitta di Torre, nonostante la vostra ottima prestazione?

“La sconfitta di sabato ci ha rammaricati e non poco, soprattutto per come è maturata. Decisivo in tal senso un tiro deviato, proprio nel nostro momento migliore. Non ci aspettavamo, in quel frangente di gara, di poter subire una tale ingiustizia ma nonostante ciò, il monito che il mister ci ha rivolto è stato quello di voltare subito pagina. Lunedì, alla ripresa degli allenamenti, avevamo già dimenticato quanto successo sabato. E’ questo lo spirito giusto, tutto ciò è sintomatico di quanto il gruppo sia coeso”.

Come ha accolto lo spogliatoio questa sconfitta?

“Nell’immediato dopo gara serpeggiava, come giusto che fosse, molta delusione. Questo stato emotivo ha però ben presto lasciato spazio allo voglia di riscatto maturata in tutti noi dopo una sconfitta che sul campo non avremmo meritato”.

Può la prestazione di sabato infondere una maggiore consapevolezza nei vostri mezzi?

E’ quello che è realmente accaduto. Abbiamo dimostrato ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, di potercela giocare alla pari con tutte, anche con quelle compagini che sin dall’inizio della stagione si sono poste come obiettivo quello della promozione diretta. La prestazione di sabato infonde fiducia e ci proietta ai prossimi impegni con cauto ottimismo”.

Il risultato di sabato può pregiudicare la rincorsa ai playoff?

“Assolutamente no, anche se ha comunque ridotto la distanza dalle nostre inseguitrici, Poggiomarino e Saviano su tutte. A questo punto, data l’attuale condizione di classifica, dovremo stare attenti a guardarci le spalle, difendendo strenuamente la nostra posizione, in modo da non rendere vano quanto è stato fatto fino ad ora”.

Come sei stato accolto dalla famiglia Real?

Sceglierei il Real altre mille volte. Sono stato accolto con entusiasmo da tutti, dalla società e dai miei compagni di squadra. Siamo un gruppo unito, una famiglia anche fuori al contesto calcistico. E’ proprio questo tipo di atteggiamento, che configurerei come un rapporto quasi simbiotico, ci sta portando a raggiungere obiettivi che ad inizio stagione erano quasi insperati”.

Che partita sarà la prossima contro il Sant’Agnello?

Sarà fondamentale tornare a fare punti, soprattutto dopo una battuta d’arresto (sul piano esclusivamente del risultato) come quella di sabato. Da qui in avanti saranno tutte delle finali e dovremo essere bravi, per restare in corsa per i playoff, a fare risultato, soprattutto tra le mura amiche”.

Cosa pensi di promettere ai tifosi del Real?

“A loro prometto passione, spirito di sacrificio e costanza d’impegno. Sono certo che io ed i miei compagni di squadra riusciremo a riaccendere in loro la passione che li ha sempre contraddistinti. Il loro apporto ci sarà molto d’aiuto in questo finale di stagione”.

a cura di Domenico Riemma

La Redazione