Napoli, Sarri: "Siamo venuti a Torino a fare la partita! Ora..."

Sarri
Sarri

Maurizio Sarri commenta ai microfoni di Premium la vittoria sulla Juventus all’Allianz Stadium, elogiando la grande partita dei suoi uomini, ancora tuttavia non perfetti secondo il suo Mister: “Partita perfetta no, avessimo alzato un po’ i ritmi sarebbe stato meglio. Comunque venire qui e fare la partita è difficile per tutti, invece non abbiamo concesso niente se non sui calci da fermo. Io continuo a divertirmi, abbiamo fatto contenta la nostra tifoseria, per il resto la Juve è ancora davanti, noi dobbiamo pensare solo a Firenze, le possibilità sono ancora poche”.

Aveva dichiarato di voler andare a spodestare il potere, sente di averlo fatto?: “Questo presuppone che la Juventus rappresenti il potere e lo dici tu (alla telecronista, ndr), poi vincere qui è una soddisfazione enorme, ma resta una vittoria singola. Dal punto di vista delle vittorie loro rappresentano il potere tecnico, ma anche altro a mio modo di vedere, è la squadra con cui tutti vorrebbero vincere”.

E’ la vittoria dell’organizzazione e del lavoro: “Mi sembrava una bestemmia venire qui e cambiare il nostro calcio, era inaudito pensare di cambiare. La grande densità in mezzo al campo della ripresa non ci ha permesso il cambio di modulo”.

Sulla crescita negli anni di questo gruppo: “Il Napoli in questo momento non può programmare le vittorie, ci sono squadre troppo più forti economicamente. Possiamo programmare sul lavoro, siamo contenti di aver visto questa squadra crescere anche sotto l’aspetto della mentalità, lo dimostra la gara di stasera, siamo venuti ad imporre gioco in uno degli stadi più difficili d’Europa”.

Enrico De Martino