Arzanese, Pellino: "Futuro in 1ª ma dipende dal campo sportivo..."

Arzanese, campo sportivo
Arzanese, campo sportivo

ARZANO (NA). Rientro positivo dell'Arzanese nel calcio dilettantistico campano, lo storico sodalizio biancoceleste quest'anno si è cimentato nel campionato di Terza Categoria napoletana girone A, stagione chiusa al quarto posto in campionato con i playoff salutati in anticipo da imbattuti, il due a due raccolto con la Libertas Casalnuovo è costato l'eliminazione in virtù del miglior piazzamento in campionato dei casalnuovesi.

Ai nostri microfoni il Presidente Salvatore Pellino ha fatto il punto della situazione tra presente e futuro del club: "La nostra stagione è iniziata in ritardo, il 24 Settembre ad iscrizioni chiuse, purtroppo non abbiamo potuto allestire una squadra da vertice ma grazie al lavoro dello staff sono arrivati tanti giovani interessanti che sono diventati la base del nostro progetto. Non avevamo dimestichezza con la categoria quindi possiamo ritenerci soddisfatti dei risultati ottenuti, purtroppo in Terza Categoria ho assistito a situazioni spiacevoli che mai avevo visto su un campo di calcio ma nel complesso credo che l'Arzanese abbia onorato la competizione".

Archiviata la stagione 2017/2018 si pensa già al futuro: "Probabilmente faremo domanda di ripescaggio in Prima Categoria, già ci stiamo attivando per partecipare come minimo a tale campionato, sicuramente la nostra base saranno sempre i giovani sui quali puntiamo tantissimo. Vogliamo creare un progetto che duri nel tempo e costruire in casa i calciatori, poi rispetto al passato credo sia diventata quasi un'esigenza puntare sui giovani di qualità visto che non circolano più certe cifre nei dilettanti, in questo modo credo si possa creare qualcosa di buono e magari puntare ad obiettivi più alti nei prossimi anni. Allenatore? Dopo l'addio di mister Granata punteremo su un giovane, una persona che possa sposare in pieno la nostra politica e far crescere i tanti giovani di qualità che abbiamo". 

Fondamentale per l'Arzanese la risoluzione della questione impianto sportivo, senza il quale non è possibile pensare ad un futuro ad alti livelli: "Ad oggi prima di sederci a progettare il futuro credo sia giusto capire se e quando sarà riaperto il campo sportivo di Arzano, la struttura necessità di molteplici interventi per tornare ad essere fruibile, a Dicembre si è parlato del rifacimento del manto erboso in sintetico ma ad oggi non sono ancora partiti i lavori. L'impianto poi necessita di lavori al settore ospiti, tra botteghini, bagni e sala medica, piccoli interventi senza i quali non si può riaprire la struttura. Nei mesi scorsi si era parlato anche di interventi all'impianto elettrico, col beneplacito del sindaco, ma finora sono passati sei-sette mesi e nulla è stato fatto. I fondi ci sono ma bisogna aspettare i tecnici, tutti i giorni vado al Comune per capire come procede la situazione ma col passare del tempo la passione chiaramente va scemando. La prospettiva del nostro progetto è legata all'impianto sportivo, senza il quale diventa improponibile una intera stagione da giocare in trasferta, aspettiamo di essere ricevuti dall'amministrazione per valutare la riapertura totale e non parziale della struttura". 

Luigi Langellotti