Fragiello: "Mercato? Sono libero. Negli ultimi anni ho trovato club.."

Fragiello, ai tempi del Procida
Fragiello, ai tempi del Procida

NAPOLI. Attaccante straordinario, nonostante l'età non più verde, trentaquattro primavere per Gennaro Fragiello ed il titolo di vicecapocannoniere del girone B di Eccellenza Campania 2017/18 con la maglia della Palmese Calcio. Carriera densa di esperienze nel mondo del calcio per Fragiello, uno dei pochi attaccanti a poter dire d'aver giocato in ogni categoria dalla Serie A all'Eccelenza, nel suo curriculum esperienze con Fiorenzuola, Fanfulla, Bologna, Carpenedolo, Sassuolo, Sambenedettese, Sorrento, Cassino, Salernitana, Como, Viribus Unitis, Arzanese, Mariano Keller, Fondi, Isola di Procida, Real Albanova e Palmese. 

Nelle scorse settimane vi avevamo parlato di un suo possibile approdo al Nola, secondo quanto raccolto dalla nostra redazione la trattativa si sarebbe arenata ma lo stesso attaccante ai nostri microfoni chiarisce la propria situazione in ottica mercato: "Al momento vivo un momento di riflessione circa il mio futuro, Serie D o Eccellenza non fa differenza perché molto dipende dalla condizioni poste dalla società che mi vuole tra le proprie fila. Non ho proposte in questo momento, sono un calciatore svincolato e libero di accasarmi in qualsiasi squadra".

In un calcio dilettantistico dove spesso i calciatori vengono sedotti ed abbandonati, Fragiello elogia le squadre con cui ha militato negli ultimi anni: "Sinceramente non posso lamentarmi, riesco ancora a fare la mia bella figura in campo ed a raccogliere quanto dovuto dai club in cui gioco, sono però un fortunato perché ho sempre trovato sul mio cammino persone serie che mi hanno sempre onorato fino alla fine. Chiaro che conosco la situazione reale del calcio minore e sento di tanti ragazzi in difficoltà, però credo sia giusto anche sottolineare quando si trovano società serie che onorano gli impegni presi fino alla fine del campionato. 

Negli ultimi 4-5 anni tra Palmese, Procida, Albanova e Sorrento non posso proprio lamentarmi, sono stati seri e corretti con me fino alla fine, chiaro che molto è dipeso anche dai miei comportamenti esemplari visto che ho sempre dato tutto per la maglia. In ogni esperienza guardo molto alle persone, non sono proprio il tipo che sceglie una squadra senza avere garanzie di serietà fino alla fine. Ovviamente mi rendo conto che tanti ragazzi si ritrovano in situazioni difficili e non sanno che fare, da questo punto di vista mi ritengo un fortunato".

Luigi Langellotti