J. Stabia-Benevento 1-1: Coda risponde a Calò, primato ancora intatto - I AM CALCIO NAPOLI

J. Stabia-Benevento 1-1: Coda risponde a Calò, primato ancora intatto

M. Coda, Benevento
M. Coda, Benevento
BeneventoSerie B

La capolista Benevento viene bloccata sull'1-1 al "Menti" dalla Juve Stabia nel derby campano: al vantaggio delle vespe firmato da Calò ha risposto il bomber giallorosso Coda.

Partono bene i padroni di casa che al 13' si rendono subito pericolosi: punizione velenosa di Calò dalla trequarti, palla in area piccola e Tello mette in corner rischiando, però, di bucare la propria porta. Passano due giri di lancette ed è il Benevento a provarci: fuga di Coda a destra e tiro-cross rasoterra ma la palla attraversa tutto lo specchio della porta senza trovare la deviazione vincente di nessun giallorosso. La gara si mantiene su buoni ritmi e al 27' le "vespe" passano in vantaggio: punizione dai 30 metri di Calò, palla respinta dalla barriera e che ritorna in possesso dello stesso Calò che lascia partire un destro che piega la mano di Montipò proteso in tuffo e si insacca nella porta sannita. Il Benevento reagisce e al 43' va vicino al pareggio con la solita botta di sinistra dal limite di Kragl che, però, trova Russo pronto a bloccare a terra quasi sulla linea. La prima frazione si chiude sull'1-0 per la Juve Stabia.

Il Benevento scende in campo con un diverso piglio nella ripresa e al 55' pareggia i conti: punizione dalla trequarti di campo calciata tesa in area da Kragl, dal mucchio sbuca Coda che fredda in un sol colpo difesa e portiere gialloblù e piazza la zampata che vale l'1-1. Due minuti dopo la capolista potrebbe addirittura passare in vantaggio ma il sinistro di Sau dalla lunetta viene miracolosamente messo in angolo da Russo prima che la palla finisse nell'angolino alla sua destra. La piena gioia dei giallorossi dura poco perché al 62' la truppa di Inzaghi resta in 10 uomini: Caldirola, già ammonito, commette un fallo nella propria metà campo ed il direttore di gara lo manda sotto la doccia in anticipo. L'espulsione arriva nel miglior momento del Benevento. I giallorossi non demordono e si risistemano in campo con l'ingresso di Antei che rileva Sau. Al 64' proteste stabiesi per un possibile rigore non concesso dall'arbitro: tiro in area giallorossa ed il difensore centrale ex Sassuolo toccherebbe la palla con il braccio (neanche le immagini televisive mostrano chiaramente l'accaduto visto il nugolo di giocatori presenti in area); l'arbitro lascia proseguire. Nonostante l'inferiorità numerica il Benevento regge bene il campo e all'85' sfiora anche il gol del possibile vantaggio con Insigne, servito da Letizia, il cui diagonale termina di pochissimo a lato. Al triplice fischio, dunque, lo score finale è di 1-1 tra Juve Stabia e Benevento.

IL TABELLINO

Maurizio Morante