Orfri, divorzio immediato con mister Perrotta - I AM CALCIO NAPOLI

Orfri, divorzio immediato con mister Perrotta

Perrotta
Perrotta
NapoliSeconda Categoria

Terminata ancor prima di iniziare la stagione l'esperienza d mister Perrotta alla guida dell'Orfri.

L'allenatore ha spiegato le motivazioni del divorzio anticipato.

"Ero stato chiamato dalla società per vincere il campionato. Iniziata la preparazione, dopo 6 sedute con 27 calciatori sul campo, mi sono reso conto di avere un gruppo forte che l’anno scorso si è autogestito per disputare il campionato. Il mio ruolo è quello di fare allenatore con dei protocolli di calcio, regole e professionalità che mi porto dietro da tempo per far si di preparare bene sia mentalmente la squadra che fisicamente.

Purtroppo la rosa non ha sposato in pieno certe cose, pertanto prima di avviarmi in questa esperienza ho comunicato alla società che certe atteggiamenti di alcuni calciatori che si allenavano passivamente non rientravano nel mio progetto.

Credo che durante la settimana e specialmente durante gli allenamenti noi allenatori possiamo vedere chi merita di giocare e chi no; mi sembra la cosa più semplice. La parola "divertimento" nel calcio, per come intendo io, non esiste: io voglio vincere, non affrontare partite con calciatori che non si allenano o quantomeno apatici. E' stata la scintilla che ha fatto traboccare il vaso: non sono la persona che va in panchina tanto per, a me piace fare l’allenatore ma devo avere a disposizione prima gli uomini e poi i calciatori. Non sono l’intrattenitore del martedi o del giovedi, vivo il calcio a 360 gradi con degli schemi, una preparazione dedicata con visione dei ruoli e una mentalità giusta per affrontare al meglio questi campionati che sembrano facili ma non lo sono.

Ho rispettato e ringrazio la società del presidente Giuseppe Di Salvo per avermi chiamato, per la stima che ho nei suoi confronti, ma perdonatemi, il calcio sta avendo questa flessione proprio perché non si applicano determinati protocolli che esistono da sempre."

Cosa riserverà il futuro? "Non ho firmato nulla e quindi sono libero, vediamo che succede. Un allenatore deve aspettare il suo momento. Sono sereno e con la coscienza a posto per la grande passione che ho per questo sport."

La Redazione